#falcomics2013

by Nicoletta

27/08/13



Falcomics ha festeggiato quest'anno la trentesima edizione con un programma decisamente ricco e la presenza di circa cinquemila persone. Tanti appassionati e tante iniziative da scoprire di cui proveremo a raccontarvi i tratti salienti, dato che abbiamo fatto parte dell'organizzazione con lo staff di tonidigrigio e Pepe Lab, affiancando la Scuola Internazionale di Comics. 
Cosa ci è piaciuto di più? Sicuramente l'angolo del baratto è stata una delle attività più piacevoli, perché ha creato un legame tra autori e visitatori che si ingegnavano per trovare qualcosa da scambiare con un disegno fatto al momento. Il suo punto di forza è stato certamente la disponibilità di fumettisti come Niccolò Storai, Pino Rinaldi e Marco Bianchini che per tutti e tre i giorni hanno mostrato il loro piacere di disegnare e conoscere gli appassionati dei loro fumetti. 
Davvero divertente e interessante è stata poi la mostra di The Walking Dead, allestita dai ragazzi della Scuola Internazionale di Comics che hanno creato la giusta atmosfera per gustare le tavole intrise di zombie: luci spente, torcia in mano, zombie di cartapesta in attesa dei visitatori ai bordi della stanza e una rassegna di quotidiani che parlava delle catastrofiche invasioni dei redivivi mostri.
Selfalcomics lo spazio del fumetto indipendente ha regalato una finestra sulla ricerca e sulla cultura underground con una mostra, i laboratori e un angolo vendita dove scoprire le produzioni dei collettivi presenti in fiera.
Per chi non era fisicamente presente, le attività sono state raccontate su facebook, twitter, e instagram dallo staff dell'organizzazione e dai ragazzi di Agenda Geek che ci hanno aiutato a fare un reportage in tempo reale dell'evento. Per ritrovare tutti i post e le foto basta ricercare l'hashtag #falcomics2013 o googolare la stessa chiave di ricerca.
Sono state davvero molte le iniziative che ci hanno divertito e citarle tutte ora sarebbe quasi impossibile, dalle vignette sul ring alla partecipazione di Niba, fino allo spettacolo di Greg & The Frigidaires, senza dimenticarci della domenica passata in compagnia dei cosplayer e dei giochi di ruolo organizzati dall'Associazione Arthur Conan Doyle.

Insomma, cosa vi siete persi? Abbiamo fatto il possibile per raccontarvelo al meglio e non abbiamo ancora iniziato a svelarvi i contenuti speciali, ossia tutte le interviste raccolte durante i tre giorni di fiera!